Migliore Casino Line Tattiche Su Internet

Casino Online Migliore

E’ importante anche verificare quali metodi di pagamento possono essere utilizzati. Tra i metodi più diffusi ricordiamo: Carte di Credito, bonifico, portafogli elettronici come Neteller e Skrill, Paypal e naturalmente l’italianissima Poste Pay anche nella sua versione Evolution. Questi metodi di pagamento nei migliori casino online possono essere usati sia per i depositi che per il ritiro delle vincite.
submitted by Luca-824 to u/Luca-824 [link] [comments]

[psa]Se avevate nanodefender\nanoadblocker sui vostri browser, disinstallatelo

edit4: lo metto in testa, grazie a tutti per gli award, non ho mai ricevuto tanti premi e ringraziamenti anche in privato
Scusate non so crosspostare. Il creatore dell'estensione (e di ublock origin) ha venduto nanodefender a "un gruppo di sviluppatori turchi", questa è stata la sua definizione. In pochissimo tempo gli utilizzatori dell'estensione si sono accorti che i dati venivano dirottati chissà dove. Nessuno ha capito chi siano questi sviluppatori e dopo varie discussioni su github e su reddit, lo sviluppatore originale ha consigliato di disinstallare l'estensione, ora bollata come "malware".

E tutto questo io lo devo scoprire da un subreddit sulla pirateria perchè nel mentre i siti di news di informatica nostrani sono diventati un blog di amazon.

https://github.com/NanoAdblockeNanoCore/issues/362#issuecomment-709428210
Discussion: the sequel: https://github.com/jspenguin2017/Snippets/issues/2
Looks like the Firefox fork maintainer will no longer update the fork anymore: issuecomment-707445124 https://github.com/LiCybora/NanoDefenderFirefox/issues/187#issue-718878286

edit1: a quanto pare se avete chrome aggiornato l'estensione verrà rimossa in automatico. Edge nonostante sia chromium non lo fa, quindi rimuovetela manualmente. Su firefox pare che nanodefender sia sviluppato da un altro gruppo di programmatori e sembra sicuro, per ora. Se escono altri aggiornamenti edito il post.

edit2: vedo sempre più richieste nel post riguardo adblock e derivati. Chiarisco alcuni punti:
-ublock origin è un altro blocker, sia l'estensione sia lo sviluppatore non hanno niente a che fare con adblock.
-adblock plus è stato uno dei primi adblocker e penso l'unico ad aver introdotto la whitelist "a monte", cioè lo sviluppatore permetteva che alcuni ads passassero il filtro, quelli ritenuti etici (non invasivi, poco appropriati come contenuti ecc). https://adblockplus.org/en/acceptable-ads#optout
-adblock è un altro blocker.
-nanodefender veniva usato come "maschera" per coprire gli adblocker in modo che i filtri antiadblocker dei siti non si attivassero, da solo non serviva a nulla, era un integrazione al classico ad blocker per combattere le nuove funzioni di alcuni siti per contrastare il blocco delle pubblicità.
In linea di massima sono tutti sicuri, bisogna sempre essere aggiornati su chi li compra e a chi passano in mano. Essendo spesso sviluppati da indipendenti o singoli programmatori, magari dopo anni decidono di vendere il codice a qualche azienda o a "gruppi di sviluppatori turchi" (cit) e bisogna capire cosa vanno a combinare dopo. Ad esempio possono dirigere il vostro traffico verso altri server, controllare le vostre abitudini su internet o interferire con altre estensioni, comportandosi in tutto e per tutto come malware. Potete trovare le varie info nei subreddit dedicati:
https://www.reddit.com/adblockplus/
https://www.reddit.com/uBlockOrigin/
e il sub sul blocking degli ads generico
https://www.reddit.com/Adblock/
e controllare codici, news e wiki ufficiali tramite github come ad esempio quella di ublock origin
https://github.com/gorhill/uBlock

edit3: Volevo aggiungere alcune considerazioni personali sull'adblocking, visto che la discussione sta prendendo piede e potremmo aggiungere qualcosa in più. Partiamo col presupposto che ho sempre detestato la pubblicità, fin da ragazzino quando i miei programmi preferiti venivano interrotti da fesserie senza nessun interesse per me. Crescendo e iniziando a capire che la gente ha bisogno di soldi per mangiare, mi sono reso conto che la pubblicità sfamava molte persone.

Con il boom di internet c'è stata l'opportunità per molti di fare i soldi (ricordate quel ragazzino che aveva fatto una pagina di sole pubblicità e ci si era pagato il college?) e di conseguenza sono nati le app apposite per ripulire dal casino di cui molti abusavano. Con il diffondersi di queste app, c'è stato il tracollo, con gli sviluppatori di ads che hanno creato sempre nuovi metodi per aggirare questi blocchi e arrivare nel vostro cervello (ma qualcuno ha mai comprato qualcosa su suggerimento di una pubblicità? che io ricordi mai, da dove cavolo escono tutti questi soldi?). Mi ricordo il periodo delle parole in grasseto che se sfiorate col mouse aprivano un popup. Poi si è iniziato con video che partono da soli, quadratoni in mezzo agli articoli e ora alla totale corruzione, interi articoli basati su pubblicità. Quello che vorrei capire è fino a dove si potrà arrivare con questo schifo? Pubblicità cammuffate da news, clickbaiting, totali bugie (sconti? davvero? da quando esistono camelcamelcamel e keepa chi crede più agli sconti di amazon?) e forse, il culmine di tutto:
infezioni da ads!
esatto. Come seconda entrata aggiusto spesso pc e da anni non rimuovo virus, ormai rimuovo solo adware, pup e altro crapware che penetrano nei sistemi tramite browser, venendo completamente ignorati dagli antivirus (a parte alcuni che hanno un modulo apposito). A volte, tornando all'essere adulti, ho disattivato il blocker per fare guadagnare qualche soldo ai siti che visito giornalmente ma è davvero impossibile da mantenere e da quando gli ads sono diventati veicolo di infezioni, non ho più disattivato le protezioni e le ho abilitate anche su smartphone. I popup ormai attivano promozioni, servizi, notifiche, tracciamenti e altre cose non richieste (da qui pup, potentially unwanted program) che a lungo andare nel migliore dei casi vi rallentano del pc, nel peggiore arrivano a rubarvi dati importanti.
Insomma tutto questo per dire cosa? Per dire di tutelarvi: pihole a casa (blocco di ads direttamente dal router) e app apposite su smartphone come blockada o adguard o se avete il root il buon vecchio adaway. Ormai non è più una questione di fornire supporto ai vostri siti preferiti, è diventata una questione di sicurezza dei vostri computer e telefoni.

edit5: ehy ciao, leggevo in altri post questo
uBO has it's own anti-blocker defusing filters in its default lists. It's where most of the fixes against anti-blockers are made, many people wrongly attributed this to Nano Adblocker -- while it's just the filter lists maintainers investing their free time and doing all the work behind-the-scene and receiving too little credit for their work
direttamente dal creatore di ublock origin Gorhill. Praticamente ublock filtrava già gli anti adblocker tramite filtri pubblici. Quindi se per ora non trovate un rimpiazzo a nanodefender, probabilmente non ne avete nemmeno bisogno. Intanto vi aggiungo questa lista che ho trovato prima,
https://filterlists.com/lists/fuck-fuckadblock
cliccate, andate su subscribe e verrà aggiunta in automatico al vostro ublock origin, aumentando la sua efficienza nel blocco degli anti-adblocker.
submitted by Jammed_Death to italy [link] [comments]

La rubrica serale * 29/12/20

Blob è una rubrica di italy: ogni sera postiamo un mix di thread diversi.
Ci troverai: thread rimossi nella giornata che magari sono interessanti, i principali contenuti da altri sub in lingua italiana, i thread del passato.
Vuoi saperne di più? Consulta la spiegazione.

Questo appuntamento ti piace? Vorresti che fosse mantenuto?

Scrivici! stiamo raccogliendo pareri.

I top thread di alcuni degli altri sub italiani

Da lazio

Da AnimeItaly

Da cucina

Da italianmusic

Da libri

Da seriea

Da italyinformatica

I top thread di alcuni degli altri sub locali

Da milano

Da Sardinia

Da Trieste

I thread recuperati di oggi

Foto "lancia e dimentica"

Link per cui è richiesta un'introduzione del contenuto

Meme e altre cose divertenti, più adatte per il Caffè Italia

Temi per i quali c'era già un altro thread simile aperto o un megathread

Thread con un titolo da cambiare

L'anno scorso, parlavamo di:

I più apprezzati erano:
submitted by RedditItalyBot to italy [link] [comments]

[Rant] Mi sono rotto il cazzo, voglio che collassi tutto

Già postato su collapsesupport in inglese, ma voglio condividerlo anche con voi compatrioti.
Ho 18 anni. Prima che si scatenasse il casino ero una persona molto solitaria e volevo provare ad aprirmi un po'. Volevo uscire, conoscere qualche ragazza, andare in Erasmus... ma no, COVID. Così eccomi qui, bloccato in casa mia, a vivere l'ultimo anno di scuola davanti a uno schermo con i professori che ci stressano a morte per "L'EsAme di StAtOh!1!!11!!1!1!1!1!!!!" o "I VoTiH!!1!1!1!!!" o per qualsiasi altra puttanata di cui dovrei preoccuparmi solo a causa di questa società del cazzo a cui importa solo di questi stupidi numeri su una tabella Excel a scapito del tuo vero valore e della tua salute mentale. Ma comunque...
La cosa che mi fa incazzare abbestia è che gli anni di cui sono stato derubato non torneranno mai più. Dopo la laurea, dovrò andare all'università, lavorare fino a farmi esplodere il cervello e fino alla morte visto che probabilmente non otterrò mai la pensione, vivere i disastri climatici... e poi morire. Tutto questo per colpa di uno stupido cazzone che si è mangiato un pangolino, di qualche superpotenza il cui leader ha la mamma troia o di qualche riccone del cazzo. Ogni volta che leggo le notizie, leggo solo di disastri e di miseria.
Sapete una cosa, a questo punto? Fanculo questa merda, fanculo la democrazia, ci ha portato solo ad essere governati da gente come Trump. Voglio una dittatura mondiale: un Paese non raggiunge il suo obiettivo di riduzione di CO2? Bombardato. Amazon cerca di fare pressione sul sistema politico corrompendolo? Gli si bombarda la sede. Qualche corporation inquina e usa i suoi dipendenti come schiavi? Bombarda, bombarda, bombarda. Solo la sinistra è permessa, i conservatori vengono proibiti e repressi. Chiunque creda nella negazione del cambiamento climatico viene chiamato idiota e imbecille in diretta sulla TV nazionale, censurato e arrestato. I partiti di estrema destra vengono sciolti per decreto. Ma purtroppo è solo fantasia.
Un altro risultato, più probabile, è la rivolta mondiale, o addirittura la guerra nucleare. Sinceramente spero anche in questo, se non si può avere la dittatura mondiale. Voglio vedere i responsabili della nostra miseria morire lentamente e dolorosamente, sanguinare dai polmoni, essere picchiati da tutte le persone che hanno fottuto in questi anni. Voglio vedere l'intero sistema crollare. Soffriremmo per un po' di tempo, ma dopo potremmo ricostruire un mondo migliore.
Una terza via, la più utopica, sarebbe che si inventi la macchina del tempo in modo da poter tornare a quello che credo sia stato il culmine dell'umanità, cioè dagli anni Settanta agli anni Novanta. Niente social media, niente Trump, niente estinzione climatica incombente, contatti umani veri, nessuna pandemia... ah, bei tempi! Ma no, purtroppo sono dovuto nascere in quest'epoca di merda, dove avrò solo le briciole di quello che hanno avuto i miei genitori/nonni. Se non posso riavere indietro le opportunità che mi sono state rubate, trascinerò tutti nella mia stessa miseria. So che è una mentalità sbagliata, ma onestamente non me ne frega più niente.
EDIT: Il testo originale era in inglese, l'ho poi ritradotto in italiano per fare prima, nel caso ci siano frasi poco comprensibili segnalatemelo.
submitted by Idrossidodidrossido to Italia [link] [comments]

Consiglio auto affidabile

Stavo valutando di comprarmi una mia auto appena trovo lavoro in questo schifo di casino di mondo in cui siamo attualmente. Non sono particolarmente interessato al brand e all’estetica, sono piuttosto interessato ad un auto che sia affidabile, che duri, che dia pochi problemi e che quando li da i costi siano contenuti. Da quel che so, la scelta migliore sono le auto giapponesi, in particolare Honda e Toyota se vogliamo stare su prezzi abbordabili. Mio zio mi ha confermato questa dicitura, ma mi ha anche detto che è da qualche decennio che le auto giapponesi in Europa vengono assemblate in Uk e la qualità è calata. Lui ha avuto un Civic nel 2004 circa che ha dato molti problemi diceva.
Volevo sapere, è vera questa storia o no? Giapponesi si o no?
Se si, cosa ne pensate della Yaris (full benzina per ora, il mio progetto era tenerla tra i 5 e i 10 anni, usarla il più possibile e risparmiare nel frattempo per una full elettrica sperando che tra 10 anni il mondo esista ancora e che l’italia sia andata avanti con le infrastrutture e agevolazione per le auto green).
Nuova? Usata (quale modello/anno in questo caso converrebbe?)
Grazie a tutti
submitted by giamboscaro to ItalyMotori [link] [comments]

Ciao a tutti! Hi everyone!

Ciao, sono il nuovo moderatore (dal Sud Sardegna) di questa subreddit e vorrei fare qualche miglioramento per creare più utenza e renderla migliore, avete suggerimenti o idee? Ho appena eseguito un re-design generale del subreddit.
Magari si potrebbero fare degli AMA con domande e risposte?
Ho preparato una wiki, consultabile al seguente link, lascio un estratto qua sotto. Qualora qualcuno volesse contribuire nella scrittura della wiki, mi contatti.
Buona permanenza a tutti! :)
ho aggiunto i flair, per chi volesse. Eventualmente fate richiesta se lo volete personalizzato.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ciao a tutti e benvenuti nella sub dedicata alla Sardegna!
Questa sub vuole riunire sardi e chiunque sia interessato alla cultura/tradizioni dell'isola. E' consentito postare domande o dubbi o consigli per le mete di un futuro viaggio.
This subreddit wants to bring together Sardinians and anyone interested in the culture/traditions of the island. It is allowed to post questions or doubts or advice for the destinations of a future trip.
For info, contact via modmail.
Per info, contattare via modmail.

Introduzione

La Sardegna é un'isola nel Mar Mediterraneo, regione dello Stato italiano, con capoluogo Cagliari. E' un isola con antiche tradizioni e abitata da parecchio tempo, una delle piú vecchie al mondo.
L'isola é famosa per il mare e per la cucina sarda.
Il linguaggio ufficiale é l'italiano ma si parla anche il sardo
Sardinia is an island in the Mediterranean Sea, a region of the Italian state, with the capital Cagliari. It is an island with ancient traditions and inhabited for a long time
The island is famous for tourism, especially in the seaside areas of the whole island.
The official language is Italian but Sardinian is also spoken.

Mare/Sea/

Ecco alcune delle spiagge piu belle/consigliate/Most beautiful beaches:
TAVOLARA -Olbia
Budelli- Spiaggia Rosa
CALA SPINOSA Santa Teresa Gallura – Olbia-Tempio
CALA COTICCIO Caprera Island – Olbia-Tempio
TUERREDDA - Cagliari
CALA GOLORITZÉ Baunei – Ogliastra
CALA DOMESTICA - Buggerru
VILLASIMIUS
CHIA

Cucina

Ecco alcuni dei piatti tipici della cucina sarda: - Fregola, un piatto con pasta a base di semola, vongole e gamberi. Ha davvero un buon gusto con molti sapori.
-Fregola, a dish with pasta made with semolina, clams and prawns. It is has a really good taste with many flavors.
-Porceddu, which is a pig around 4kg to 6kg cooked with myrtle on a spit in front of the fire for many hours. It is very crisp.
-Spaghetti with sea urchins, a dish with raw urchins, tasty but sometimes expensive.
-Cannonau, the Sardinian wine
-Culurgiones: a kind of home-made dumpling pasta stuffed with delicious mint-flavoured potatoe cream and cheese. Usually served with fresh tomatoe sauce and basil or with butter and sage
-Lamb with artichokes
-Seadas: a traditional sardinian dessert made of fried pastry filled with delicate lemon-scented cheese and topped either with warm honey or sugar.

Storia

Origini
Interessante notare che è la lingua viva più prossima al Latino. Vi si ritrovano ancora tracce della lingua precedente l'arrivo dei romani e del Fenicio.
Questo si vede sopratutto nei toponimi Sar-degna, Sar-dare, Sar-roch etc > Sar era probabilmente denominazione di luogo/città.
Kar-alis, nome originale di Cagliari, ci racconta delle sue origini puniche: Car-tagine.
Ulteriori approfondimenti qui
È un casino. C'è poco da fare.
Archeologia
Civiltà Nuragica
Di nuraghi ce ne sono circa 7000 sparsi qua e la per l'isola. Spesso si tratta di singole torri ma qualche volta troviamo strutture organizzate in villaggi e santuari. Tra i villaggi Su Nuraxi è forse il più conosciuto. Interessante è anche il nuraghe di Santu Antine.
Su Romanzesu rappresenta invece un classico esempio di santuario con annesso pozzo sacro.
Un elenco più vasto di tutti i principali siti nuragici lo si trova qui
Monte d'Accoddi (una piramide?) A ulteriore prova dell'origine Extraterrestre e/o Atlantidea del popolo Sardo abbiamo questa "piramide" tronca a base quadra. Interessanti sono i resti di un altare sacrificale , un menhir e una pietra lavorata a sfera (forse in riferimento ad un culto solare). Maggiori info su wikipedia e sul sito Sardegna Cultura
Tharros Tharros, che sorge nei rpessi di Oristano, fu fondata dai Punici un sacco di tempo fa, probabilmente sui resti di un precedente insediamento Nuragico. Dopo i Punici arrivarono gli immancabili Romani che l'abitarono finoa l suo abbandono. Ai giorni nostri costituisce un museo a cielo aperto dove sono visibili la pavimentazione romana con relativo scolo fognario. Si distinguono isolati e abitazioni, edifici monumentalie templi. Maggiori info storiche qui e qui Maggiori info sulle visite qui
Sant'Andrea Priu (sì, quasi come la Toyota) E una delle cosiddette Domus de Janas. Letteralmente il termine "Domus de Janas" si traduce con "casa delle fate". Infatti si pensava che dentro queste celle scavate nella roccia ci abitassero tali creature. Di fatto si tratta di necropoli ipogee atte a ospitare le spoglie di una comunità. Particolarmente interessante é quella di Sant'Andrea Priu. Presenta infatti tre camere e numerose celle: La prima camera presenta ancora tracce della pintura delle pareti risalenti al neolitico (~5000 anni fa) La seconda è stata riutilizzata come tomba romana ed ancora sono visibili gli affreschi rappresentanti decorazioni varie e la matrona La terza è stata convertita a chiesa Bizantina. Ancora una volta sono conservati gli affreschi e le decorazioni. Al di fuori, sulla sommità, è scolpito nella roccia un toro. La cui testa è stata rimossa probabilmente ad opera dei cristiani.
Maggiori info su wikipedia
Vicino si trovano il castello di Burgos e il Nuraghe di Santu Antine. I tre monumenti possono essere visitati tutti lo stesso giorno.
submitted by Fra00 to Sardegna [link] [comments]

Con api, si vola.

Io voglio bene alle api. Molto bene.
Non è sempre stato così. Da bambino ne ero affascinato, come lo ero da tutti gli animali, ma loro occupavano comunque un gradino non troppo alto nella mia personale gerarchia degli esseri viventi.
Diciamo che, somigliando molto poco ad un cattivo dei 5 Samurai, consideravo le api come una sorta di Whiskas per le mantidi che mi piaceva allevare, e che sono palesemente molto più cool a livello di design. Questo nonostante i primi rudimentali studi sul volo usato come linguaggio dagli imenotteri in questione (lol, imenotteri), che già spopolavano nei costosi e poco longevi libri di testo delle scuole elementari. Le illustrazioni fatte male coi trattini delle traiettorie di volo e cazzi del genere, presente no?
Piccola digressione: non ho mai capito perché uno scrittore di libri scolastici scientifici dovrebbe descrivere nel dettaglio il linguaggio delle api; come se l’ape normalmente si fermasse a chiedere ad un umano la strada per tornare all’alveare, e rimanesse lì a vedere l’umano camminare in un percorso a forma di 8 per rispondergli “sempre dritto zio, poi magari chiedi più avanti”.
Comunque, più delle api apprezzavo i bombi, con la loro paffuta bonomia, che ho ancora più apprezzato pochi anni fa quando ho scoperto che, contrariamente a quello che mi avevano insegnato le maestre di scienze terrone, i bombi hanno sì un cazzo di pungiglione e, visti quanti ne ho presi in mano senza mai essere punto, evidentemente anche una pazienza infinita; od una fattanza cosmica.
Successivamente, dopo aver capito che le mantidi sono inutili puttane (purtroppo non maturo abbastanza per conoscere la famosa metafora riguardo alle donne di cui c’è ampia letteratura, e che mi sarebbe servita da adolescente), sono passato alle lucertole; quello è stato un periodo oscuro e, fortunatamente, molto breve, del quale preferisco non parlare, un po’ come i crucchi riguardo al periodo che tutti noi sappiamo *wink wink*.
State calmini però, in vita mia non ho mai fatto del male a niente che fosse più evoluto di un rettile, al contrario di voi giovani Jeffrey Dahmer, Ed Gein incel brufolosi del cazzo.
Poi, anni dopo, per un periodo mi sono ritrovato a scopare la figlia dalla carnagione olivastra di un contadino e, così, l’involuto zoticone mi ha introdotto alle meraviglie del mondo delle api. A 18 anni ho scoperto che, oltre a fare i disegni in aria per parlarsi, queste piccole stronze sono molto importanti per il Mondo. Non mi interessano i dettagli, diciamo che tipo sborrano sui fiori e quindi le piante sono felici. E quindi noi, le mucche e i fagiani siamo felici perché le piante sono felici.
In più, l’immagine romantica dell’apicoltore fiero ed ignorante, unita a quella del perfetto culo di origini balcaniche della figlia, mi ha convinto che le api sono pressoché una figata.
Sono utili, risolute, pelosine, odiano vespe e calabroni (sbirri) e li bolliscono ricoprendoli completamente e facendo casino quando sti stronzi gli vanno a rompere il cazzo nel quartiere. Quando le api ti lamano, lo fanno perché è giusto così. E poi muoiono, muoiono tagliate a metà per proteggere il blocco, non come voi snitch del cazzo che vendereste anche l’ape regina ovvero vostra madre.
L’altro giorno cercavo notizie per cui incazzarmi e, in un momento di straordinaria non-pigrizia, decido di digitare “il” su google invece di “re”, che di solito è più facile vista la successione sulla tastiera, ma mi porta sempre a leggere puttanate scritte da wannaberadicalchic per radicalchic.
Giunto nel sito, uno schiavo di Travaglio mi informa che i cinesi del cazzo sono anni che secernono, non so da quale orifizio legislativo, del fottuto miele finto. Ma come “miele finto”? Come cazzo fa ad essere finto il miele?
In sostanza questo cazzo di miele finto viene importato in Unione Europea da, evidentemente, dei figli di puttana attaccati, tipo lamprede, a dei piccolissimi peni gialli, che lo vendono a 1 euro invece di 4.
Leggo anche questo commento:
Non riesco proprio a solidalizzare con i fabbricanti di miele e sfruttatori del lavoro e della vita delle api. Cinesi o italici che siano.
però sono troppo incazzato per soffermarmi su questioni psichiatriche.

Ora, io non so esattamente cosa voglia dire “miele finto”, non sono un chimico altrimenti spaccerei: alcuni dicono sia miele diluito, alcuni che è sciroppo di glucosio con aromi, altri dicono che è diarrea di bambini cinesi nutriti con larve di api e distillata grazie alle microonde del 5G.
Io so solo che c’è una roba che chiamano “miele finto” che arriva dalla Cina e, che, MANNAGGIA A GESU’ CRISTO danneggia sia il mio ex-quasi-cognato con la figlia dal culo di bronzo, che il suo omologo portoghese o scozzese, che le fottute api, che il futuro del MONDO INTERO; tutto questo perché ovviamente i cinesi riescono a prendere anche quella che è una delle più rispettate ed ancestrali forme di cooperazione tra uomo ed animale, renderla una merda violenta/chimica, e poi smerciarla ad un quarto del prezzo con noi COGLIONI, rappresentati da gente con cognomi improbabili abituata a mangiare la merda, che sta lì da anni a masturbarsi su come sia il modo più soffice per spiegare che il miele si fa DAL BUCO DEL CULO DELLE API O QUELLO CHE E’, SENZA MANINE GIALLE DEL CAZZO CHE CI VERSANO DENTRO LA BILE DI ORSO O IL MIDOLLO DI UIGURO ADULTO.

Un giorno arriva al bar Fabbio che ha appena comprato 3G da un egiziano “nuovo” in piazza. Facciamo 1G dietro in cucina e ci accorgiamo subito che è una mezza merda. Passano 4-5 giorni e ci raccontano che Ramsete dei miei coglioni fa provare quella buona sul posto, poi ti rifila quella con gli additivi. Non solo, lo fa con sia con quelli sgamati, che ovviamente non tornano più, che coi ragazzini, i quali, per fare bella figura, fingono di essere fatti. E tornano.
Voi l’avete più visto l’egiziano in quella piazza? Io no. Non credo che l’abbiano aspettato nell’androne del palazzo eh, anche se ho saputo che qualcuno con la voce grossa si era un po’ indispettito per la questione, per la faccia di merda, in particolare. Però evidentemente ha dovuto cambiare zona, forse paese.
E’ bastato un mesetto per risolvere la faccenda, per riportare la qualità media del prodotto a livelli buoni e ad alzare sì i prezzi, ma solo perchè il lavoro e l’autenticità vanno rispettati, vanno idolatrati. E infatti, quando in piazza l’egiziano non c’era più, ma c’erano di nuovo soltanto Vito e Bogdan, ho capito perché era giusto che ce la facessero pagare di più: semplicemente perché il loro guadagno garantiva a noi un prodotto migliore e l’assenza di stronzi approfittatori.
E riuscivano a gestire tutto questo senza laurea in Svizzera e senza cognomi con umlaut o accenti strani, solo con la giustizia popolare, i coltelli e l’attenzione ai consumatori più sfortunati, alla comunità.
In tutta la mia vita ho comprato credo 4 barattoli di miele. Non me ne frega un cazzo del miele. Però quando pago le tasse non riesco a non pensare a quel culo color caramello, e al suo creatore in difficoltà economiche; e quando un’ape mi si avvicina, io rispettosamente mi gratto il cazzo come a rispondere “scusa fra, non sono di qua”.
Anche se abito in zona.
submitted by Le_monde_ou_rien to litigi [link] [comments]

Votate Antonio la trippa

"Se votare servisse a qualcosa non lo lascierebbero fare" Mark Twain {CAMERATESCA-MENTE Nemmeno davanti alle teste che rotolano possiamo aspettarci serietà intellettuale dagli antifascisti Rivoluzionari de' noantri... Così lo capite? Dai biscotti con la Nutella alla complicità con questo Governo criminale Nemmeno davanti alle teste che rotolano possiamo aspettarci serietà intellettuale dagli antifascisti Posted: 30 Oct 2020 08:30 AM PDT La sinistra e gli antifascisti tutti sono sugli scudi per difendere l’indifendibile, per negare l’evidenza, vale a dire che il terrorista che si è divertito a tagliare teste dentro la Cattedrale di Nizza, nella giornata di ieri, è sbarcato a Lampedusa. Tra chi parla di “caso isolato” – evidentemente dimentico delle decine di attentati che hanno flagellato l’Europa negli ultimi anni – e chi continua imperterrito a difendere la politica dei porti aperti a tutti ed a qualunque costo, gli esempi della malafede e della disonestà intellettuale degli antifascisti non si contano più. Una domanda sorge spontanea: da dove diamine avreste mai pensato che provenisse l’attentatore, se non dalla frontiera colabrodo italiana? Quale altra Nazione europea permette l’ingresso nel proprio territorio di centinaia di migliaia di stranieri – totalmente diversi ed incompatibili da noi per sangue, religione, cultura, mentalità, civiltà – di fatto delegando la politica estera a scafisti ed ONG? Non a caso il Ministro degli Esteri francese, in queste ore, sta seriamente valutando, in accordo con tutto il Governo, di chiudere i varchi dall’Italia. Siamo la barzelletta d’Europa, facciamo entrare chiunque, e che siamo dei pagliacci, in Europa, lo sanno bene. Va detto: la Francia paga l’aver preteso, in nome della società multirazziale e del politicamente corretto, di accogliere orde di accattoni e di parassiti africani sul proprio territorio – per lo più con l’intenzione di cancellare il proprio passato colonialista e sfruttatore – di integrare chi integrabile non lo è affatto, e non aspetta altro che qualche vignetta di dubbio gusto di Charlie Hebdo (oggettivamente vignette squallide e di dubbio gusto, ma a nessuno di noi occidentali verrebbe mai in mente di fare irruzione nella loro redazione con un kalashnikov, per quanto l’idea possa essere allettante) per far saltare in aria qualche decina di infedeli o per staccare qualche testa a colpi di machete. Chi, tra i miei camerati, si aspetta un minimo di onestà intellettuale da questa gente, resterà puntualmente deluso. Ricordo solamente che, quando una nostra connazionale è stata picchiata, violentata e poi messa a tranci dentro due valigie, nel migliore dei casi ha dato della puttana a quella povera ragazza, nel peggiore è sceso in piazza a manifestare contro il razzismo. Non possiamo aspettarci nessuna serietà da questa gente che ha svenduto la Nostra Civiltà e ci ha messo nelle mani di parassiti mille volte inferiori a noi per costumi, civiltà, progresso; né possiamo aspettarci che sui mass media e nella classe politica si apra un dibattito che indaghi seriamente la direzione in cui sta andando l’Europa, un continente che si evolve sempre più in una enorme periferia africana ed islamica. Rivoluzionari de' noantri... Posted: 30 Oct 2020 04:30 AM PDT E' pieno di dementi che negli ultimi giorni stanno esaltando come eroi i vari manifestanti d'Italia, apparentemente in piazza contro il governo, in realtà in piazza per fare casino ed ottenere qualche briciola di sussidio. Ieri si parlava di Napoli e dintorni, dove il 70% dei votanti, solo un mese fa, ha votato quel De Luca che oggi fingono di contestare; oggi si parla di Torino, ove gli immancabili cessi sociali (spalleggiati dai loro compari clandestini), hanno devastato e saccheggiato negozi (ma non dovevano manifestare per difendere i commercianti vessati dal governo?), come loro costume... Vediamo poi ai vari TG manifestanti pacifici, con regolare museruola (alcuni addirittura con il modello extra lusso, con valvole incorporate, per sopravvivere anche ad Ebola!), piagnucolare contro il governo per le misure restrittive... Ma fate pace con voi stessi; se credete nel fanta virus e state accucciati come cani con la museruola, che cazzo protestate a fare? Lo fanno per il vostro bene. E se non credete al fanta virus, che cazzo mettete a fare la museruola? Perchè vi cagate sotto all'idea di prendere la multa? Tanto lo sappiamo, se riuscirete ad ottenere qualche centinaio di euro di obolo governativo, tornerete sui balconi a cantare "Bella Ciao" ed a gridare "Andrà tutto bene"... E magari a denunciare gli "irresponsabili" che continueranno a protestare per difendere la loro libertà, o per avere anche loro qualche elemosina... Quanti di voi "contestatori" si sono sempre proclamati antifascisti, dicendo e scrivendo cazzate su quel terribile regime che diede agli italiani case, lavoro, Leggi sociali all'avanguardia, opere pubbliche ed un sistema previdenziale che oggi è stato trasformato in uno schema di Ponzi per rapinarvi? Chi vi ha dato il sabato "Fascista", portando la settimana lavorativa a 40 ore, è diventato illiberale, vi conculcava le libertà... Allora godetevi questa democrazia antifascista per la quale avete tante volte manifestato... Hanno sostanzialmente abolito la proprietà privata, come in URSS, dato che non siete più liberi di aprire i vostri negozi, vi hanno ridotti a cagnolini con la museruola e vi impediscono di usare i mezzi pubblici, di entrare nei negozi e persino di passeggiare se non la usate... Vi impediscono di svagarvi e divertirvi, ma qualche cretino fa i paragoni con il coprifuoco che vigeva in tempi di guerra... Godetevi il vostro antifascismo senza fare tanto baccano in piazza, tanto non cambierete mai nulla, se non in peggio... E continuate a votare per i tristi epigoni del comunismo (compresi quelli come il comunista padano), tanto il pericolo è il "Fascismo", no? Ma almeno non rompete il cazzo blaterando di libertà e diritti, cose che non sono mai state di vostra competenza. Verificate dalla tabella allegata quanto siete coglioni da sempre e quanto avete desiderato il comunismo, che oggi vi governa! -- Dott. Carlo Gariglio - Segr. Naz. MFL-PSN www.fascismoeliberta.info www.lavvocatodeldiavolo.biz Così lo capite? Posted: 30 Oct 2020 02:00 AM PDT Dai biscotti con la Nutella alla complicità con questo Governo criminale Posted: 30 Oct 2020 12:00 AM PDT Dai biscotti con la Nutella alla complicità con questo Governo criminale: la farsa dell’opposizione, in Italia, è tutta qui. Con buona pace di chi pensa che la destra, in Italia, sia alternativa al “sistema” senza capire che essa stessa fa parte del sistema, e ne costituisce uno degli ingranaggi fondamentali per dare l’illusione al popolino di poter scegliere. You are subscribed to email updates from CAMERATESCA-MENTE. To stop receiving these emails, you may unsubscribe now. Email delivery powered by Google Google, 1600 Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, United States} Copia in Incolla
submitted by SamueleDelPapa to u/SamueleDelPapa [link] [comments]

Di come un tassista bulgaro mi salvò la pellaccia [Parte 1 di 3]

[L’itinerario che seguirò in questo breve racconto non sarà precisamente quello che feci all’epoca, cercherò di essere stringato e di seguire solamente le tappe principali di quel viaggio che mi cambiò la vita, per amor di sintesi salterò diversi paesini e particolari. Le tappe saranno: Trieste - Zagabria - Sarajevo - Belgrado - Sighetu Marmației - Sofia - Istanbul - Kulata - Salonicco - Atene - Patrasso - Ancona]
Avevo compiuto da poco 20 anni quando decisi che quell’estate avrei visitato tutti quei paesi che negli scorsi anni non avevo avuto modo di visitare. I soldi c’erano, non moltissimi, ma a sufficienza per tanti spostamenti, avevo calcolato parecchie notti in tenda e in treno, avevo due o tre contatti in Romania e a Belgrado, e l’unica cosa di cui ero certo è che sarei partito da Trieste a Giugno, per il resto sapevo solo che volevo scoprire quanto più possibile dell’est Europa. L’idea del budget me la feci studiando le tratte e i cambi di moneta, feci la somma di tutte le tratte in treno che avrei dovuto fare, comparai con bus e mi informai su internet in merito agli autostop, mi calcolai non più di 15€ al giorno per mangiare, e consideravo che in posti come il Maramureș ne bastano anche 4€. Sebbene i tanti calcoli che comprendevano anche un possibile traghetto finale rimasi comunque a corto di soldi negli ultimi giorni, rischiando pure di rimanere bloccato al confine tra Bulgaria e Grecia.
Comincio col dire che non sono di Trieste, per essere esatti all’epoca vivevo a poco più di 400 km dalla città, ma c’era più di un motivo per partire da lì: conoscevo un posto dove poter dormire senza pagare, per caso c’era in centro un mio carissimo amico ad aspettarmi, e poi Trieste è bellissima. Un po’ di autobus un po’ di autostop e arrivai in città cercando subito il posto dove mi sarei sistemato per la notte, era una scuola gestita dai Gesuiti dove partivano molte missioni umanitarie. Non ricordo benissimo l’ubicazione ma se dovessi tornare a Trieste credo ritroverei quel posto, era relativamente vicino al giardino Muzio de Tommasini, salendo per via Fabio Severo, poco prima dell’Università. Giuseppe era piuttosto esperto di viaggi verso l’est, all’epoca era nella Lega Missionaria Studenti, un gruppo di fanatici attivisti religiosi che non mi andavano per nulla a genio, ma Giuseppe era diverso, lui non era con quelle persone perché smosso da chissà quale impeto moral-religioso, macché, lui era lì tutte le estati per un semplice motivo: la fica. Certo, era bello aiutare gli anziani e gli orfanelli, ma anche sbatterglielo in culo alle giovani purissime missionarie era per lui motivo d’orgoglio. Quella notte fu impossibile dormire a causa del pavimento della scuola, butterato e con diversi strati di polvere, avrei dovuto comprare un materassino più solido per il sacco a pelo, ma all’epoca avevo paura a caricarmi troppe cose, avevo l’idea che se avessi cominciato con i materassi di lusso e i cuscini a prova di fulmine mi sarei presto ritrovato a scarrozzarmi comodini, sveglie meccaniche, forni a microonde e impianti hi-fi. Ero un coglione. Così forzai Giuseppe a passare la notte per le strade di Trieste, dove inscenammo un finto litigio al giardino lì vicino.
[N.d.A: questo è un nostro cavallo di battaglia, lo chiamiamo semplicemente “Alice”. “Alice” in pratica è un esercizio d’improvvisazione teatrale di nostra invenzione, quando uno dei due chiede all’altro: «Ma come sta Alice?» è il segno che si vuole cominciare, è regola che non ci si possa sottrarre alla sfida indipendentemente dal contesto. L’idea è che chi ha chiesto per primo come sta Alice sia anche interessato romanticamente alla suddetta, mentre chi risponde deve costantemente sviare oppure parlare di altre Alice confondendo il più possibile l’interessato. Più volte, dopo un’escalation di equivoci e battibecchi, abbiamo finito urlandoci l’uno contro l’altro per poi, dopo pochi passi di sfida, abbracciarci solennemente, tra gli applausi oppure lo sconcerto generale. L’ultima volta che è successo è stato tre anni fa, lo presi parecchio di contropiede, anche perché ero testimone al suo Matrimonio.]
Senza aver quindi dormito partii per la Croazia, dove restai qualche giorno nei dintorni di Zagabria. Una cosa che notai subito fu la furia assassina con la quale gli autisti dei bus croati viaggiavano, temevo per la mia vita ad ogni sorpasso, l’autista per le curve seguiva la traiettoria di una Formula 1 all’ultimo giro utile di qualificazione. Il paesaggio sloveno che superai lo conoscevo già, avendo tempo addietro sostato a Maribor, una bellissima città fiorita sul Drava. L’ostello che trovai vicino alla stazione centrale costava poco e nei dintorni c’erano molte zone dove ci si poteva accampare, d’estate per fortuna viaggia molta gente per cui non si era mai davvero soli. In città mi feci fare un cappello da un artigiano, il mio pessimo slavo e il suo terribile italiano non furono particolarmente d’impaccio. Ebbi in quei soleggiati giorni l’occasione di visitare il Museo d’arte Moderna, rimanendo impressionato non tanto dal Liberty croato (di grande pregio e dalle magnifiche intuizioni cromatiche, un continuo scontro tra paesaggi algidi e freddi e intarsiature dorate) quanto dall’incredibile catalogo di artisti avanguardisti. Poter vedere le opere di Anto Jerković dal vivo mi ha fatto molto riflettere sulla qualità dell’Informale europeo, sulla diversità degli stili e l’influenza immensa di van Gogh e Yves Klein sull’arte pittorica contemporanea [anche se, a onor del vero, il più originale interprete di Klein per me resta il californiano Don Van Vliet]. Una sera che ero per la Ulica Ivana Tkalčića, mi misi ad ascoltare una band garage in uno dei tanti locali della via, feci velocemente amicizia con una coppia e parlammo tutta la notte de Le ballate di Petrica Kerempuh mentre io ero reduce dall’apocalisse grammaticale di Viaggio al termine della notte. Céline mi accompagnava in quei giorni, quando non disegnavo sul mio taccuino lo leggevo avidamente, prendendo appunti come faccio sempre a bordo pagina, sconfinando nei paesaggi di una Francia oscena e decadente mentre attorno a me i giovani sembravano aver dimenticato il suono delle bombe di un decennio fa.
Partì per Sarajevo che era giorno, prendere i treni-notte mi sembrò una grande idea per diversi motivi: il primo era che costavano poco e mentre ti spostavi potevi dormire, il secondo era che essendo estate erano tanti i giovani che facevano Interrail o robe così, il solito discorso, meglio stare sempre in compagnia. Peccato che a discapito della mia geniale intuizione quasi tutti i viaggi su rotaia si rivelarono dei pandemoni hippie, dove la gente beveva e fumava tutta la notte gozzovigliando al suono della peggior musica balcanica. Per carità, sempre meglio dei Modena City Ramblers, ma comunque uno stupro per le mie orecchie all’epoca dedicate al dolce suono dei Minutemen e di Iannis Xenakis. In quel viaggio per Sarajevo mi ritrovai in cabina con un gruppo di francesi veramente molesti. A parte il continuo far casino, che potevo benissimo capire, era lo “stile” a destarmi irritazione. Giocavano a orribili giochi di società per smartphone, di quelli dove devi riconoscere il marchio famoso e scriverne il nome o boiate simili. Nessuno di loro, fra l’altro, aveva la benché minima idea di chi fosse Luis-Ferdinand Céline. Beh, ero uno snob di merda, portate pazienza, avevo anche appena 20 anni, oggi probabilmente romperei meno i coglioni e giocherei con loro. La notte tentai di dormire ma non servì a molto, perché appena mi addormentai ci fermarono alla dogana. Fu un viaggio tosto, passai molto tempo nel corridoio mentre la notte ingoiava ogni residuo stellare, ballavo, pisciavo nel lavandino (il cesso era intasato di lattine di birra), pensavo a com’era bello il mio cappello artigianale e a quanto fossero grandi i corvi croati.
Una delle prime cose che imparai della Bosnia ed Erzegovina è che “barbiere” si scrive “Freezer” e questo mi faceva ridere da matti. Arrivati alla stazione di Sarajevo ero a pezzi e pieno di rancore per i francesi scassa-balle, erano le 4 e mezza del mattino e non c’era anima viva, se non un tipo piuttosto giovane e pelato che mi venne subito incontro chiedendomi in un buon inglese se avevo già dove dormire in città. Allora ragazzi: non fidatevi mai di gente che aspetta i turisti alle stazioni, se vi va di culo finite come tra poco vi racconterò, se vi va male… vi va male. Comunque io ero cotto e avevo bisogno di un giaciglio vero, per cui accettai la sua offerta di portarmi al suo “ostello”. Mentre eravamo in auto il tipo ricevette una telefonata, capii che mi riguardava ma non riuscivo a decifrarne il contenuto. Ad un certo punto il tipo mi guardò e mi disse che c’era un problema: gli sono rimaste due camere ma siamo troppi maschi e ci sono due ragazze, la sua collega ha infatti intercettato dal mio stesso treno un gruppo di cinque francesi. Considerando di aver ballato e bevuto per tutta la lunghezza del treno sapevo benissimo che l’unica comitiva di testosteroni francesi non poteva che essere la mia. Insomma, dice il tipo, qualcuno deve dormire con le ragazze olandesi che sono già in ostello, mentre gli altri andranno in camera con due anziani. Indovinate quindi con chi feci andare i francesi. L’ostello non era tale, o meglio, era un luogo con quattro pareti e un soffitto, ma era osceno. Era tutto in cemento vivo, non sembrava nemmeno finita la struttura con tutte le armature in ferro ben visibili e arrugginite. Il pavimento della camera che dividevo con le olandesi era spaccato e in salita. La mia prima mattina in quel posto resta una delle mie sveglie più assurde ed improbabili. Seduti su una sorta di terrazza che sembrava stare in piedi con lo sputo ci siamo io e le olandesi a mangiare una buona colazione portata dal proprietario, ma quando si presentano i francesi non riesco più a mangiare. Arrivano, tutti pallidi e visibilmente stanchi, assieme ai loro due compagni di camera: due stravecchi raggrinziti vestiti (non sto scherzando) da gendarmi nazisti, con tanto di fascia al braccio. Decisi in quel momento che non mi andava di passare troppo tempo in ostello.
Sarajevo è una città straziante, sotto il suo strato di cemento e polvere si celano le nevrosi e le tragedie di troppe guerre e conflitti. Visitai poco la parte turistica della città e dedicai parecchio tempo alle periferie e ai borghi a causa del loro fascino umano. Visitai anche le città limitrofe, scoprendo diverse bellezze del paese. Una sera, passeggiando, con la coda dell’occhio vidi un uomo disteso malamente su una scalinata. Pensai fosse morto o robe così, e andai a controllare se era il caso di chiamare aiuto. Il tizio era grosso e puzzava di alcol, respirava pesantemente e provai ad alzarlo. Mi ci volle un po’ ma lo misi a sedere. L’uomo, cominciò a raccontarmi in un buon italiano, aveva lavorato da giovane a Firenze dove aveva passato i migliori anni della sua vita, come un classico immigrato in cerca di fortuna. Tornava poco nel suo paese, ma abbastanza per farsi una famiglia. Purtroppo la distanza e la sua voglia di viaggiare non furono un sufficiente collante, e ora da qualche mese cercava di riallacciare con la sua unica figlia, inutilmente. Era caduto in depressione e non faceva altro che bere. Lo riaccompagnai a casa, un piccolo appartamento di periferia, bianco fuori e con delle orribili luci verdi all’interno. I muri sembravano di cartapesta, pieni di crepe dalle quali sbucavano fuori insetti di ogni forma. C’erano parecchie bottiglie a giro e DVD di film italiani, tra cui Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi. Come per Giovanni delle Bande Nere anche per il mio nuovo amico sembrava non ci fosse molta speranza, era tornato a casa per ritrovare la famiglia, ma sua moglie l’ha rinnegato e la figlia non voleva parlarci. Non bevvi quello che mi offrì, e parlammo fino a notte inoltrata, prima di salutarci per sempre.
In un altro vicolo della città in cui mi persi in quei giorni plumbei venni attratto da dei rumori curiosi, come di vecchie VHS. Girando un sudicio angolo scoprii questo posto che sembrava strappato dalla realtà circostante. Era una sorta di pub collassato su se stesso, pieno zeppo in ogni centimetro di vecchissimi mobilii, cornici, set di tazze e tazzine, lampadari di ogni genere e non tutti appesi al soffitto che ne era comunque saturo, tutto sembrava dorato e riflettente, specchi arrugginiti e deformanti, sedie di ogni dimensione e colore, tutte antiche, come anche i tavolini e il bancone. Ma la cosa più strana era la presenza di decine di vecchi televisori, tutti accesi, dove delle videocassette mandavano scene della vecchia Sarajevo. Ero stordito e ammaliato da tutto questo. Nero, così si faceva chiamare il proprietario, era piuttosto giovane, mi spiegò che era figlio della più famosa coppia di antiquari della città. Lui non aveva mai vissuto molto a Sarajevo, era infatti un viaggiatore anch’egli, pieno di aneddoti spassosissimi resi ancora più ilari dai buonissimi rum che continuava a versarmi. Purtroppo i suoi genitori vennero a mancare l’anno prima, e così si ritrovò con garage e garage pieni delle cose più strane e improponibili. Decise quindi di trasformare il vecchio negozio dei suoi genitori in un locale dei più eccentrici mai visti. Dopo qualche ora s’era fatta una certa e io avevo fame e chiesi a Nero quale fosse la miglior baracca della zona dove rifocillarsi a dovere, lui mi indicò la porta esattamente di fronte al suo locale. Gli dissi che non mi andava di mangiare a casa di qualcuno, preferivo un locale o comunque un postaccio dove poter degustare qualche specialità. Allora mi prese per mano e mi portò al portone, bussò e ci aprì un cameriere. Ok, allora è un ristorante, senza insegna ma ok. Alla vista di Nero il cameriere iniziò a tirare fuori tavolini e sedie, apparecchiando in mezzo alla stradina, dopo poco mi prende e mi fa entrare in quello che chiaramente è l’androne di un normalissimo condominio, scendiamo delle scale a chiocciola che, normalmente, porterebbero ad uno scantinato, e dove invece risiedeva una piccola ma ordinatissima e pulitissima cucina. C’era un cuoco e il suo sous-chef, stavano preparando cose inimmaginabili per il mio limitato olfatto. Mi chiese cosa mi andava di mangiare e io gli dissi che mi fidavo pienamente di qualsiasi roba potesse uscire fuori da quello sgabuzzino. Feci strabene. Mi portarono quello che, ad oggi, è il più buono, tenero, burroso e gustoso filet mignon al pepe verde che abbia mai divorato. Quella cena me la pagò Nero di soppiatto, costringendomi moralmente a tornare la sera dopo accompagnato dalle due olandesi che letteralmente impazzirono per il posto. Vorrei tanto ricordarmi di preciso dove fosse ‘sto locale, ricordo solo che era una traversina di una parallela di Mula Mustafe Bašeskije, nient’altro.
Un’altra cosa che mi colpì molto della città fu la famosa piazza Baščaršija su cui si affacciavano rispettivamente una moschea e una chiesa ortodossa. Mi sporsi alla moschea e potei seguire tutta la funzione. Le enormi scritte sui muri dipinte su dei semplici tendaggi mi ricordarono quanto la Parola per gli ebrei e gli islamici abbia un valore diverso e catartico, i cristiani infatti credono che il Verbo si sia fatto Carne, ed in questo Cristo rappresenta il tramite per il divino, non più Profeti ma direttamente la Parola che respira come noi. Nella moschea invece la Parola prendeva forme e colori diversi ma rimaneva Parola, e anche se salmodiata con ipnotica intensità si poteva avvertire tutto il suo peso morale. Oggi, studiando sopratutto testi del buddismo c’han e dello zen giapponese che ne deriva, scorgo ancora più malinconia in quelle religioni che si appigliano alla Parola con strenua fedeltà. La paura e la povertà fanno prosperare le religioni, che serpeggiano tra tappeti, sedie e simulacri, s’aggrappano alla mortalità e promettono una fine alle sofferenze. È una vita sacrificata sull’altare della morte.
Quando arrivai a Sarajevo avevo in mente un preciso itinerario, ma decisi di sostare in Serbia prima di andare in Romania, anche se mi era stato sconsigliato da Giuseppe mentre ero a Trieste. Presi un altro treno notturno assieme alle due ragazze olandesi che bevvero vodka per tutto il tragitto. Quando mi svegliai il paesaggio era cambiato drasticamente: villaggi ridotti ad una fatiscente miseria si accavallavano uno dietro l’altro mentre ci avvicinavamo a Belgrado. Ricordo che l’aria era torbida e colorata di un pesante ocra.
[FINE PRIMA PARTE, scusatemi ma sono un po’ stanco di scrivere! Mi scuso per ogni eventuale errore grammaticale e per la scarsa chiarezza della prosa ma non sono abituato a scrivere di getto. Domani, sempre che interessi, butterò giù del resto del viaggio, ma temo ci vorrà una terza parte per concluderlo.]
clicca qui per la seconda parte!
clicca qui per la terza parte!
submitted by I_shoot_John_Lennon to italy [link] [comments]

Real Life Soap Opera - FINALE: La Peste a Milano

ep I, ep II, ep III, ep IV, ep V, ep VI, ep VII, ep VIII, ep IX, ep X,
mi piace il fatto che il setting di questo episodio sia ancora più manzoniano del solito. è un buon modo di chiudere. è anche forse più lungo degli altri episodi, come ogni finale di serie che si rispetti.
riassunto della puntata precedente: In seguito a una foto incautamente postata da Lucia, Don Rodrigo si è insospettito e ha costretto Lucia a confessare, almeno parzialmente, della sua tresca clandestina. Venuto a conoscenza del litigio tra i due, Renzo decide di interrompere i contatti con Lucia, la quale però lo invita ugualmente a un incontro della sinistra setta religiosa a cui appartiene. Spinto dalla curiosità, Renzo accetta.
Episodio XI: La Peste a Milano
Renzo e Lucia si sono dati appuntamento la domenica mattina in centro per andare insieme allo strano incontro mistico. Renzo attende con trepidazione il momento, in parte perchè è effettivamente molto curioso di vedere cosa succede in questo culto esotico, e in parte perchè è dell’idea di forzare le cose con Lucia per uscire, in un modo o nell’altro, da questa fastidiosa situazione indeterminata.
I piani di Renzo sono destinati ad essere stravolti da un avvenimento ben più grande delle sue beghe amorose: lo scoppio dell’epidemia di Coronavirus.
Il sabato Renzo è in montagna con un’amica e i loro telefoni non prendono per tutto il giorno. Mentre rientrano a Milano ricevono le prime allarmanti notizie dei contagi in Lombardia. Renzo ha dei problemi di salute pregressi piuttosto seri, e chiama quindi il suo medico per avere consiglio. Siamo ancora in un momento in cui poco si sa di questo virus e per questo motivo il medico, forse con eccesso di prudenza, ingiunge categoricamente a Renzo di non uscire di casa.
Renzo, oltre ad essere preoccupato per l’incombente fine della civiltà, è anche dispiaciuto di non poter andare alla messa satanica il giorno successivo, e chiama Lucia per avvisarla.
La ragazza non solo non prende sul serio le cose, ma si incazza pure accusando Renzo di essersi inventato una scusa per non andare. In realtà subito dopo poi capisce quanto le cose siano serie, anche perchè la setta annuncia ufficialmente che l’evento è annullato.
Come è stato per tutti, questa emergenza epocale ha stravolto i piani di vita di entrambi. Renzo sarebbe dovuto partire per l’estero proprio in quei giorni e stare via diversi mesi ma ovviamente è tutto annullato. Lucia, anche lei, sarebbe dovuta tornare temporaneamente negli USA dalla famiglia di lì a breve, una volta completate le pratiche della cittadinanza, ma è tutto rimandato a data da destinarsi.
Cala, progressivo ma inesorabile, il lockdown. Renzo comincia lentamente ad adattarsi alla triste vita solitaria dello smart worker recluso. Lucia, complice forse la noia, si fa sentire spessissimo ed è come sempre molto piacevole. I due si videochiamano anche diverse volte la sera, a lungo, per scherzare un po’ e tirarsi su di morale a vicenda.
Le scene dei due che, dalle loro tristi stanzette, si scambiano battute e sguardi amorosi attraverso il monitor del portatile sono accompagnate dalla voce di Sting in Every Breath You Take, che sembra scritta apposta.
Passano i giorni. La gente fa i flash mob sui balconi e i telegiornali riportano le prime tragiche immagini di feretri accatastati negli obitori degli ospediali. Il lockdown è totale.
Incurante di tutto ciò, Lucia è ancora una volta imprevedibile: Renzo, vorrei venirti a trovare.
Le obiezioni potrebbero essere mille. Renzo le chiede semplicemente, considerate tutte le regole e i decreti: come fai a venire da casa tua? abiti dall’altra parte della città. la risposta di Lucia è contemporaneamente delirante e inoppugnabile: con la metropolitana.
E così fa. Nei giorni più bui dell'epidemia, mentre i giornali riportano numeri impressionanti di morti e contagiati e i monumenti di tutto il mondo si illuminano del Tricolore, in totale barba a polizia, autocertificazioni e bollettini dello Spallanzani, una mattina qualsiasi Lucia prende bel bella la metropolitana e si fa tutta la città da parte a parte per andare a trovare Renzo.
Dal momento in cui lui le apre la porta di casa passano forse quaranta secondi prima che i due si lancino in una furiosa sessione di sfrenato sesso extraconiugale.
Inutile dire che Renzo si è completamente dimenticato di farsi dire cosa ne fosse stato di Don Rodrigo. Anzi, pensa che non sia cambiato niente tra quest’ultimo e Lucia e che i due siano ancora tecnicamente insieme, altrimenti lei le avrebbe detto qualcosa…
E così è. Un paio di giorni dopo, in piena notte, Lucia telefona a Renzo. è di nuovo in lacrime: ha di nuovo litigato con Don Rodrigo ma non si sa perchè. Dice a Renzo che non ne può più e che ha delle considerazioni importanti.
Uno, non tornerà negli USA per l’estate ma rimarrà in Italia. Due, appena finisce il lockdown si impegnerà per cercare lavoro a Milano. Tre, crede che la sua relazione con Don Rodrigo sia diventata sterile e inutile e sta pensando di mollarlo.
PUBBLICITA’ Il marketing ha impiegato meno di chiunque altro ad adattarsi al coronavirus e adesso le pubblicità sono tutte uguali.
“E’ già dal 1932 che noi di Brambilla&Figli siamo vicini agli italiani. In questi tempi difficili, quando tutti siamo lontani, vogliamo essere più vicini che mai a tutti voi, e per questo noi di Brambilla&Figli ci stiamo impegnando tantissimo per ripartire tutti insieme appena tutto sarà finito” il tutto accompagnato da gente che canta sui balconi, gente felice con la famiglia in case giganti che si videochiama, e un’infermiera piuttosto fica che sorride.
...Lucia sta pensando di mollare Don Rodrigo. Renzo si trattiene dal dirle che era ora che si svegliasse. Che ci sia voluta una tragedia mondiale epocale per farla rinsavire?
Sembra che tutto volga per il meglio per Renzo e Lucia. Due righe fa i due scopavano come ricci e adesso sembra che lei voglia mollare il fidanzato. Sembrerebbe proprio una di quelle storie d’amore che finiscono bene, dove tutti vivono felici e contenti.
Il colpo di scena finale sarebbe stato facilissimo: questo è l’ultimo episodio. ora spengo il portatile, che Lucia sta dormendo vicino a me e non voglio darle fastidio.
E invece no. La differenza tra le storie vere e quelle inventate è che quelle vere non finiscono con un crescendo di tensione e un colpo di scena finale in cui si risolve tutto. E questa è una storia vera.
Quello che succede è che la situazione già spiacevole del lockdown per Lucia diventa ancora peggiore: la ragazza comincia ad avere seri problemi economici perchè non può nemmeno fare quelle due lire che faceva prima ogni tanto con lavoretti occasionali e le sue misere riserve sono finite. Tutta la sua famiglia negli states non sta lavorando, anche loro causa Coronavirus. Le mandano quello che possono ma l’affitto a Milano è costoso.
Su consiglio di Renzo parla con il padrone di casa che è una persona molto disponibile e sarebbe disposto a non farla pagare del tutto, ma sia lei che la famiglia di lei non si sentono di dipendere così dalla generosità dell’anziano signore e alla fine si accordano per metà affitto.
Non è che stia letteralmente morendo di fame, però questa situazione la riempie di ansia e apprensione.
In più, l’Innominato sta dando fuori di matto. Minaccia continuamente Lucia di andare al comune e di spifferare all’Azzeccagarbugli che la ragazza non abita più da lei. Non si capisce perchè lo faccia, forse vuole dei soldi che comunque Lucia non ha, o forse è solo un continuare della sua personalità oppressiva, o forse ancora lo fa per effettiva paura del fatto che sta violando la legge? non si sa.
Se l’Innominato andasse davvero in comune a fare casino le conseguenze per Lucia potrebbero essere serie, non tanto per aver dichiarato una cosa non vera, ma perchè dovrebbe ricominciare tutto l’iter burocratico da zero nel nuovo comune di residenza, con annesse spese economiche, il problema di dover trovare un affitto regolare, e ulteriori mesi e mesi.
A un certo punto l’Innominato effettivamente va in comune e effettivamente denuncia che Lucia non vive più lì. Nero su bianco. In un paesino minuscolo tutti si conoscono, e l’Azzeccagarbugli sa quanto l’Innominato sia una persona orribile. Pertanto, chiama Lucia subito e si fa spiegare tutto.
Lucia chiama Renzo per avere un aiuto con la comunicazione e così i tre hanno una bizzarra comunicazione telefonica triangolare in cui una Lucia con la voce rotta spiega, attraverso Renzo, la sua storia all’impiegata del comune di Roccaminchiona.
L’azzeccagarbugli, intenerita dalla situazione, decide di nascondere il documento firmato dall’Innominato finchè le pratiche di Lucia non siano finite, ma non potrà farlo ad libitum. Quindi raccomanda di finire tutto con la massima fretta. il problema è che mezzo mondo è in lockdown e anche le ambasciate lavorano a rilento…
Lucia è una persona molto sociale, abituata ad andare in giro tutte le sere con gente varia, ridere e fare casino, e avrebbe avuto difficoltà ad adattarsi all’isolamento anche nel migliore dei casi. E’ anche chiaro a tutti ormai che non è esattamente la persona più emotivamente solida del mondo.
Le ansie economiche, la paura dell’Innominato, il traballare della lunga relazione con Don Rodrigo, l’altalenarsi dei sensi di colpa con Renzo, la solitudine del lockdown in un paese straniero dove si sentiva già sola in tempi migliori. Tutte queste cose si sommano l’una con l’altra and it wears her out. Lucia è triste, sola e molto depressa.
Lucia non chiama più Renzo nel mezzo della notte per raccontargli cosa ha sognato. Non gli invia più video di Trump per ridere delle cazzate che dice. Sono finite le videochiamate affettuose serali in cui le risate di Renzo facevano picchiare i vicini sul muro. Niente più foto in cui mostra orgogliosa a Renzo quale ricetta italiana ha impietosamente massacrato con impegno.
Quelle rare volte che si sentono parla con voce abbattuta e confessa di piangere in continuazione, di voler tornare a casa e di voler essere lasciata sola. Lui prova a tirarla su sparando un po’ di cazzate come ha sempre fatto ma non funziona più.
Quando invece è Renzo a farsi sentire lei risponde a monosillabi o non risponde affatto.
Da quando i due hanno cessato ogni contatto è passato un altro mese. Secondo le ultime informazioni Il master che Lucia voleva fare non si sa nemmeno se ci sarà, e difficilmente lei troverà lavoro per mantenersi mentre studia. Appena finite le pratiche e appena permesso dalle restrizioni al trasporto internazionale, Lucia tornerà a casa negli States, per rimanerci.
Schermo nero. la sigla finale è un blues lento, tristissimo. Fine
e io, –disse un giorno al suo moralista- cosa volete che abbia imparato? Io non sono andato a cercare i guai: son loro che sono venuti a cercar me. Quando non voleste dire, –aggiunse sorridendo– che il mio sproposito sia stato quello di volerle bene, e di legarmi a lei.
I guai vengono bensì spesso, perché ci si è dato cagione; ma che la condotta più cauta e più innocente non basta a tenerli lontani; e che quando vengono, o per colpa o senza colpa, la fiducia in Dio li raddolcisce, e li rende utili per una vita migliore. Questa conclusione, benché trovata da povera gente, c'è parsa così giusta, che abbiam pensato di metterla qui, come il sugo di tutta la storia.
La quale, se non v'è dispiaciuta affatto, vogliatene bene a chi l'ha scritta, e anche un pochino a chi l'ha raccomodata. Ma se in vece fossimo riusciti ad annoiarvi, credete che non s'è fatto apposta…
The Police - Every Breath You Take
R.E.M. - It's the End of the world as we know it (and I feel fine)
Radiohead - Fake Plastic Trees
Daniel Norgren - Stuck in the Bones
submitted by slightly_mental to italy [link] [comments]

Non riesco a capire le discussioni sul Covid-19 e/o qualsiasi altro problema che affligge il mondo

Ciao a tutti, premetto che è il mio primo post in assoluto su tutti i sub-reddit a cui sono iscritto e spero che il pensiero che andrò a redigere non infranga il regolamento o offenda qualsiasi lettore.

Il titolo credo sia abbastanza auto esplicativo però vorrei accompagnarlo con un po' di contesto, sia personale che quello che gira intorno alla mia domanda (non trovavo un modo migliore per esprimermi in questo punto, scusate).
Sono un ragazzo giovane (20, tra meno di due mesi 21), sono entrato da "poco" nel mondo del lavoro e in generale ho inziato a definire una mia strada nel mondo, sia nei rapporti personali che lavorativi. Ho sempre vissuto la mia vita completamente distaccato dagli eventi che affliggono la vita di tutti i giorni, sia nel piccolo che nel grande, e mi concentravo principalmente sulle mie difficoltà, che come tutti, ho affrontato fino ad oggi. Per diversi motivi non ho mai frequentato la scuola limitando la mia interazione con altri essere viventi a pochissimi soggetti in quanto la mia famiglia, nella sua totalità, viveva in un altra regione. Dopo aver preso il diploma mi sono dovuto trasferire nella regione in cui sono nato e visitavo solo durante le vacanze (piccolo fun-fact sono andato a vivere a 50 metri dalla casa in cui sono nato) per i più svariati motivi, compreso quello lavorativo. Qui ho iniziato a definire quello che non avevo mai affrontato: il lavoro, l'amore, l'amicizia e la preoccupazione per l'apparenza ritrovandomi quindi ad affrontare tematiche per me alienanti.
Premetto che non voglio creare questo post per discuture sui problemi attuali che affliggono il mondo ma vorrei solo sapere cosa ne pensiate riguardo ad alcune domande che vi sto per porre.
Tutto questo è iniziato all'incirca un anno fà e allo scoppio del Covid-19 ho seguito la maggior parte dei suoi aggiornamenti in prima persona e qui inizia il mio dilemma.
Avendo avuto possibilità di leggere notizie (tutte cercate tranne quelle di fanpage che uscivano in home su youtube...anche se effettivamente in quel caso non l'ho mai lette ma leggevo per lo più i commenti) e sopratutto le discussioni che altre persone esponevano sul web o da vicino. Nello specifico le discussioni riguardanti il Covid-19 o l'implosione sociale che sta avvenendo in America per il caso George Floyd hanno conquistato la mia attenzione. Di seguito riporto i miei dubbi.
A che serve discuture ma sopratutto insultarsi su un problema incontrollabile come il Covid-19? Perchè l'uomo tende a trovare dei colpevoli in situazioni in cui non ha il controllo?
Personalmente trovo insensato leggere commenti di persone che accussano spesso le testate giornalistiche di terrorismo mediatico (sopratutto nel caso di fanpage che ha iniziato a farmi porre diverse domande sul comportamento delle persone e/o dell'uso improprio di notizie...ma questi sono altri discorsi che meriterebbero un post specifico) o persone che si accusano/insultano senza apparente motivo.
Dopo avermi posto queste domande, senza trovare una risposta, è capitato il casino in America e ho subito notato la differenza nel modo in cui è stato discusso e trattato.
La mia domanda principale quindi è diventata la seguente: perchè si da tanta importanza ai problemi solo se sconvolgono effettivamente la nostra vita personale?
La vita è sempre stata orribile piena di mostri, di orrori e di sofferenza. Nel mondo c'è sempre stata disoccupazione, i poliziotti sono esseri umani e anche in altri casi hanno sbagliato, i virus sono sempre esistiti e hanno sempre mietuto vittime ma perchè, perchè, perchè si da tanta importanza ai problemi unicamente se sconvolgono la nostra vita e, anche se in modo molto più limitato, vanno a modificare i grandi pillastri della nostra cultura.
Sono consapevole che l'uomo da importanza solo a ciò che lo tocca personalmente e che tende ad ignorare problemi che non riguardano la loro vita
Tutto questo ha portato il caos e non riesco a comprenderlo.

Spero di aver espresso nel modo più corretto e preciso il mio pensiero cercando di rimanere il più neutrale possibile, perchè come tutti anche io ovviamente ho un mio parere. Visto la delicatezza dell'argomento spero vivamente che nel caso specifico del Covid-19 nessuno di chi stia leggendo ne abbia sofferto. Mi appresterò a modificare il post per qualsiasi problema o, se è troppo insensibile o urta qualcuno (cosa che non voglio assolutamente ma non ho trovato altri modi di esprimermi) provvederò ad eliminarlo immediatamente. Mi scuso in anticipo nel caso vi ho arrecato fastidi. Grazie per l'attenzione.
submitted by KillerLuca to italy [link] [comments]

Comprare casa dopo il coronavirus

Salve, poco prima che scoppiasse la pandemia stavo guardandomi intorno per comprare casa (26 anni indeterminato, ~1200 euro/mo con ~25k di capitale). Al momento abito con i miei, ma ho un po il pepe al culo e sarebbe importante per me cambiare casa al piu' presto che riesco (sempre con un minimo di cervello pero'), quindi finito questo casino vorrei cominciare a essere pronto almeno per sapere cosa posso scegliere.
Io sono abbastanza financially illiterate, quindi mi farebbe piacere avere qualche consiglio, del tipo: ha senso comprare, essendo i mutui molto bassi al momento, no? Che target potrei permettermi con le mie cifre? Migliore durata (pensavo a 30 per avere meno pressione ogni mese, tanto cazzomene 20 o 30 partendo da adesso lo considero comunque un "per sempre eterno fintanto che non puoi surrogarlo/estinguerlo")? Il contratto seppur indeterminato e' inquadrato come apprendistato (assolutamente non vero, ma cosi' pagano meno di tasse ...) potrebbe influire sulla fattibilita?
Il capitale in realta' potrebbe essere anche piu' alto (ci sono soldi da parte che mio padre e mio zio vorrebbero darmi, ma vorrei vedere se posso contare solo sulle mie forze prima).
Non so cosa mi sto dimenticando, ma qualunque informazione utile su questo mondo mi farebbe davvero comodo. Grazie mille in anticipo.
submitted by IHadToRegisterToPost to ItaliaPersonalFinance [link] [comments]

Garth the Smuggler of Zaun [Champion Concept League of Legends](Eng-Ita)

Garth the Smuggler of Zaun [Champion Concept League of Legends](Eng-Ita)

https://preview.redd.it/g6obr47twtr41.jpg?width=2480&format=pjpg&auto=webp&s=4b1fb4574b88e8617b43266bd1ab2092d1bd3c92
Greetings Summoners. The original idea was that this champion was going to be a demacian. Like a merchant or something that represent the criminal side of Demacia. But after talking to my brother i decide to move him to Zaun. Its okay because Zaun, like Demacia, dont have a support champ. (i know there is Janna, but does she even look from Zaun?)

Lore
Despite taking life a little too jokingly, Garth and his "company" have earned the title of the best smugglers in the whole Zaun. To him every assignment is sacred, it doesnt matter what kind of load it is, whether precious materials or dangerous technologies or people.
At the right price Garth will also deliver the rarest artifact in the world and you can feel comfortable that everything will come at destination (barring unexpected contingencies)
This way of doing buisness so unusually honest has made him the most coveted smuggler, especially for deliveries between the two cities. He knows many secondary roads and his network of knowledge allows him to pass areas guarded by Piltoverian law enforcement (at the right price obviously). Rarely he works exclusively for himself, to avoid entering into competition with people a little too high-ranking but even this is not enough to keep him safe. For example, the Chemical Baron of the sector 345b hired him for a delivery of weapons to the sector 18 but this went against the interests of another Baron who had intercepted the delivery with a team of henchmen. The result was a gunfight that killed 5 of his cronies but thanks to the knowledge of the area and a fair amount of skill, Garth managed to win the fight.
The risks do not fall even when smuggled to Piltover. Several times over the years he lost loads due to the intervention of the Caitlyn-Vi duo. But Garth does not hold a grudge against anyone, after all, as he does a job, they do the same.
Or so he thought a few years ago.
One day, after making a lavish delivery, Garth and part of his band had gone to celebrate in one of their shelters scattered around Zaun. During the party, with the alcohol flowing in rivers and beautiful barely covered chicks entertained the group, came on the scene that "bitch with legs shears and the smell under the nose" cit.
Camille, with shots and twists that made her look like a damn dancer, eliminated all the men present in less than a minute. Garth tried to defend himself but the alcohol that flowed in his blood did not help him. He managed to shoot a few bullets but she, with a single stroke, cut off his left arm and slashed him deeply into his face, from under his jaw to the hairline.
She abandoned him on the floor, given for dead, but fortunately, after a few minutes came other members of the gang who took Garth to safety. When he recovered he paid handsomely some "doctors" who implanted Chemtech prosthesis in place of everything he had lost: An arm, part of the jaw and a new eye.
Since then, Garth uses part of the payments received to pay spies and informers who wander between the two cities in search of the Camille refuge, to repay her with the same coin.


Role: Support Utility
Weapon: Revolver 45. Chemtec

Abilities
Passive- Discounts to friends/ Black list.
Garth's customers apply discounts to him for all well-executed jobs, including his companions. Each item will be slightly discounted based on Garth level.
Lvl 3- 50g
Lvl 6- 100g
Lvl 11- 150g
Lvl 15-200g
Black List
Garth's AA and abilities apply "Garth's Black List" to every enemy hit. As long as the stack is active, the store will sell you items at a higher price. If you buy an item permanently, Garth will receive the amount of gold you paid in addition in the form of a pile of gears near the fountain and will have a different name and shape depending on the amount of gold present (Toothed - gold toothed gears. Helic -Silver Helical Gears. Screws-Simple copper screws. I did not investigate but I read that comic "Ziggs + Jinx" I saw that they use gears as a coin. This is my personal expansion of their coin types ).
Stack and effect duration. (They increase based on Garth's lvl and the countdown does not continue if you're dead).
lvl 6- 20 sec +50g
lvl 6+ 30 sec +75g
lvl 11+ 45sec +100g
lvl 15+ 60sec +200g
In case you bought the item permanently, you will hear the voice of Garth say "Thanks, dummy! AHAHAHAH!". (So pay attention). Garth instead, will hear the sound of tinkling coins.
Q- Irresistible Brible. (range 950)
Garth throws a puch full of money in a target direction. The first hit target is stunned for 1 / 1.5 / 2 seconds. Do not cross the minions.
Upgrade "Where i put the big pouch?"
Increasing the range to 1025. Now the projectile can stun multiple targets within an area of ​​120 from the first hit target or impact location.
"Permits? Of course I have them! Look! They're inside this pouch, written on small golden metal disks .... All in order? Great ...."
W- Portable Protection (target range 700)
Garth deploys on the ground or on an allied champion, in a target direction in 0,5 sec, a cover with 2/3/4 PV. All ranged AA and projectiles of skills break on the cover by removing 1 LP. The wall counts as an obstacle so it must be bypassed but you can dash through it. The wall can be bypassed from the inside by each champion. Behind the cover each allied champion receives a light buff of armor and magic resistance.
Upgrade
The new hooks block the movements of the opponent who tries to overcome it, immobilizing him for 0.5 sec (this effect does not vanish at the next attempt). Reforged with a more resilient yet lightweight metal alloy, it improves the casting range to 850 and gives 1 additional PV.
"This thing weighs a lot and smothers me with maintenance costs, but for all the muddy channels of Zaun, it's worth it ... "
E- Tripping Trap (range 800)
Garth deploys a T.a.I in a target direction. After 0.6 seconds the trap is activated with an area effect of 45 units. The first enemy that passes through it is magically damaged and remains immobilized for 1 / 1.5 / 2 seconds. If more opponents pass through it only one is immobilized while others slow down. The trap remains for 5 seconds, can not be hit and is not activated by minions.
Upgrade "I buy another clip hook and better explosive. Bright idea, isnt it?"
Garth can carry 2 traps and damage increase.
"You have no idea how many times I' ve survived the opposing numerical superiority thanks to these little ones."
R- Call the boys (effect radius 1000. Angle 35)
After a whistle Garth deploys his gang that creates a strong suppression fire with their Chemtech weapons for 3 seconds in a target direction, inflicting damage and slowing down the enemy of X / Y / Z. In addition, enemy Champions dashing against the fire direction are stunned for 0.5 sec.
Upgrade
The thugs have received more powerful weapons and larger magazines. Increases the duration of fire by 1.5 and increase the stun effect of 0,5 sec.
"What, what? You want to postpone the payment because at the moment you dont have any teeth?(understood as coins) Guys! We have a problem ..."
Passive- Who's on guard?
Wow! Less towers means less controls. Less checks means more successful deliveries! For each tower destroyed by the team, Garth receives a stack of "Easy Money". Every 2 stacks Garth can upgrade one of his skills wherever he is, as long as he's out of the fight and after a small animation of 1 sec, where you see him signing a check. You can upgrade skills from lvl 6, the R will be upgradable after the first upgrade.
Interactions
First move
Hurry up, I have a load to deliver by dawn.
Dayymn, i must buy a house in Ionia. (2 or more ionian woman in the team)

Taunt Ally (while he is talking he whirls the revolver, then throws it into the air and takes it back. Applies to all taunts)
I dont like you. You hurt my business too much. (jinx)
This situation is not normal...(Caitlyn-Vi)
Do you remember the time you hit me in the right leg?AHahahahah...bitch.(Caitlyn)
In the name of the rat with the horns. What are you? (Twitch)(reference)
You remember me the jelly my mother used to make me. (Zac)
Calm doggy. Good boy. We are friends, right? (warwick)
How many monkfish do you need for your concoctions today? (singed)
You definitely need an improvement to the walking mechanisms. (Blitzcrank)
Stongh like a bull, smart like an amphora. (Mundo)
When you get hurt, do you go for an ekkography? Did you get it?(ekko)
So, you are not evil but you are just misunderstood guy? (Viktor)
I...YOU...DAMN! (Camille)
Taunt enemy
I'll take those legs, I'll put them up your r*ar and I'll open you like a fish. (Camille)
You costed me an eye, an arm and many of my men. It is time to settle the accounts.(Camille)
When you'll die, you will become a beautiful coat that I will give to Alyssa. Or maybe Millie is better?Or Clare?Uhm...(Warwick)
Kill/Assist
You put yourself in the middle of my business. What else could I do?(Caitlyn-Vi)
Damn, delivery will arrive late today.(Caitlyn-Vi)
Why did this dwarf suddenly become hairy?(yordle)
Taunt for Women
Well, at least the mouth is human. (Cassiopeia)
How do i adjust the inclination?(Orianna)
Dwarf woman, all burrow. (Yordle)
How cold we are ... I'll warm you up. (Lissandra)
Caliente. (Shyvana)
It must be a phantasmagorical thing. (Kalista)
Beautiful pistols. Want to see how big is mine?(Miss Fortune)
I heard you like pain. Do I carry the whip? (Evelynn)
We'll talk about it again in 2019. (Annie. If I'm not mistaken, the game is 10 years old in 2019. It would be a nice idea to make that little girl grow up)
Joke
"Drag four dead weights from one fountain to another and for what?" Garth raises his clenched fist and blue dust comes out of it like an hourglass, then throws the dust to the ground with contempt, creating a blue cloud. "Damned Blue essence!"
"Award-winning Garth & Co. company Fast delivery of every product at the right price. "Garth grabs an old case from behind his back and opens it with the classic
Dance (Boh)

Thanks to Border Knight for the translation, Axel Mazzelli for the drawing.

ITA
Saluti evocatori. L'idea iniziale era che questo Campione fosse un demaciano. Tipo un mercante o qualcosa del genere che rappresentasse il lato criminale di Demacia. Ma parlando con mio fratello alla fine ho deciso di portarlo a Zaun. Cosa che va bene cmq perchè anche Zaun, come Demacia, non ha un supporto (Lo so c'è Janna, ma vi sembra una zaunita?)

Lore
Nonostante prenda la vita un pò troppo scherzosamente , Garth e la sua "ditta", si sono guadagnati il titolo di migliori contrabbandieri di tutta Zaun. Per lui ogni incarico è sacro, non ha importanza che tipo di carico sia, se materiali preziosi o tecnologie pericolose o persone.
Al giusto prezzo Garth consegnerà anche il più raro artefatto del mondo e potrai stare tranquillo che tutto arriverà a destinazione (salvo imprevisti ovviamente)
Questo suo modo di fare così stranamente onesto lo ha reso il più ambito contrabbandiere, sopratutto quando si parla di fare consegne tra le due città. Conosce molte strade secondarie e la sua rete di conoscenze gli permette di passare anche in zone sorvegliate dalle forze dell'ordine Piltoveriane ( al giusto prezzo). Raramente consegna merci proprie, per evitare di entrare in competizione con persone un pò troppo altolocate ma neanche questo basta a tenerlo al sicuro. Ad esempio il Barone chimico del settore 345b lo ingaggiò per una consegna d'armi nel settore 218 ma questo diede contro agli interessi di un'altro Barone che fece intercettare la consegna da una squadra di scagnozzi. Ne conseguì uno scontro a fuoco che diede la morte a 5 dei suoi compari ma grazie alle conoscenza della zona,ed una discreta abilità, Garth riuscì a vincere lo scontro.
I rischi non calano neanche quando contrabbanda a Piltover. Diverse volte nel corso degli anni ha perso dei carichi a causa dell'intervento dell' incorruttibile duo Caitlyn-Vi. Ma Garth non porta rancore a nessuno, dopotutto come lui svolge un lavoro, loro fanno altrettanto.
O almeno così pensava fino a qualche anno fa.
Un giorno, dopo aver effettuato una danarosa consegna, Garth e parte della sua banda erano andati a festeggiare in uno dei loro rifugi sparsi per Zaun. Durante la festa, con l'alcool che scorreva a fiumi e belle pollastre seminude che intrattenevano il gruppo, entrò in scena quella "Stronza spocchiosa con le gambe a cesoia e la puzza sotto il naso"cit.
Camille, a suon di scatti e giravolte che la facevano sembrare una dannatissima ballerina, fece fuori tutti gli uomini presenti in meno di un minuto. Garth tentò di difendersi ma l'alcool che scorreva nel suo sangue non gli fu d'aiuto. Riuscì a sparare qualche colpo ma lei, con un solo fendente, gli mozzò il braccio sinisto e lo sfregiò profondamente sul volto, da sotto la mascella fino all'attaccatura dei capelli.
Lo abbandonò lì dandolo per spacciato, ma per fortuna di Garth, dopo pochi minuti giunsero altri membri della banda che lo portarono in salvo. Quando si riprese pagò profumatamente diversi "dottori" che gli impiantarono delle protesi Chemtech al posto di tutto ciò che aveva perso: Un braccio, parte della mascella ed un nuovo occhio.
Da allora Garth usa una grossa parte dei compensi ricevuti per pagare spie ed informatori che vagano tra le due città alla ricerca del rifugio di Camille in modo da poterla ripagare con la stessa moneta.

Role: Supporto Utilità.
Arma: Revolver 45 Chemtech (550 portata)
Abilità
Passiva- Sconti agli amici/Lista nera
I clienti di Garth gli applicano degli sconti per tutti i lavori ben svolti, compresi i suoi compagni. Ogni oggetto verrà leggermente scontato in base al livello di Garth.
Lvl 3- 50g
Lvl 6- 100g
Lvl 11- 150g
Lvl 15-200g
Lista Nera
Gli AA e le abilità di Garth applicano la stack "Lista nera di Garth". Finchè la stack è attiva il negozio ti venderà gli oggetti ad un prezzo maggiorato. Se compri un oggetto definitivamente, Garth riceverà la quantità d'oro che hai pagato in più sotto forma di un mucchietto di ingranaggi vicino alla fontana ed avranno un nome e una forma diversa in base al quantitativo d'oro presente (Dentati-Ingranaggi dentati d'oro. Elico-Ingranaggi Elicoidali d'argento. Viti-Semplici viti di rame. Non ho indagato affondo ma leggendo quel fumetto di Ziggs+Jinx ho visto che usano degli ingranaggi come moneta. Questa è una mia personale espansione dei loro tipi di moneta).
Durata della stack ed effetto.(Aumentano in base al lvl di Garth ed il conto alla rovescia non continua se sei morto).
lvl 6- 20 sec +50g
lvl 6+ 30 sec +75g
lvl 11+ 45sec +100g
lvl 15+ 60sec +200g
Nel caso compraste l'oggetto definitivamente sentirete la voce di Garth "Grazie, fessacchiotto.AHAHAHAH!".(Quindi occhio)
Garth invece sentirà rumore di monete tintinnanti.

Q-Mazzetta Irresistibile (portata 950)
Garth scaglia un sachetto pieno di denaro in una direzione bersaglio. Il primo bersaglio colpito viene stunnato per 1/1,5/1,8/2 secondi. Non oltrepassa i minion.
Potenziamento"Dove ho messo il sacchetto grande?"
Aumento della portata a 1025. Adesso il proiettile può stunnare più bersagli entro un'area di 120 dal primo bersaglio colpito o dal luogo di impatto.
"I permessi? Certo che li ho! Guarda! Sono dentro questo sacchetto, scritti su piccoli dischetti metallici dorati.... Tutto in ordine? Ottimo...."
W- Protezione portatile (portata di lancio 700)
Garth schiera sul terreno o su di un campione alleato ,in una direzione bersaglio in o,5 sec, una copertura con 2/3/4 PV. Tutti gli AA a distanza ed i proiettili delle abilità si infrangono sulla copertura rimuovendo 1 PV. Il muro conta come un ostacolo quindi va aggirato ma ci si può scattare attraverso. Il muro può essere scavalcato dal lato interno da ogni Campione. Dietro la copertura ogni campione alleato riceve un leggero buff di armatura e resistenza magica.
Potenziamento
I nuovi uncini bloccano i movimenti dell'avversario che tenta di oltrepassarlo immobilizzandolo per 0,5 sec(questo effetto non svanisce al prossimo tentativo). Riforgiato con una lega mettallica più resitente ma leggera, migliora la portata di lancio ad 850 e regala 1 PV aggiuntivo.
"Questo coso pesa un casino e mi dissangua per i costi di manutenzione, ma per tutti i canali melmosi di Zaun, ne vale la pena."
E- Trappola ad inciampo (portata 800)
Garth schiera una T.a.I in una direzione bersaglio. Dopo 0,6 secondi la trappola è attivata con un effetto ad area di 45 unità. Il primo nemico che l'attraversa subisce danni magici e resta immobilizzato per 0,8/1,2/1,5 secondi. Se più avversari ci passano attraverso solo uno viene immobilizzato mentre gli altri rallentati. La trappola permane per 5 secondi, non può essere colpita e non viene attivata dai minion.
Potenziamento "Ho comprato un'altro gancio ed esplosivo migliore. Bell'idea no?"
Garth può trasportare due trappole ed aumentano i danni.
"Non avete idea di quante volte sono sopravvissuto contro la superiorità numerica avversaria grazie a queste piccoline."
R- Chiamate i ragazzi (raggio d'effetto 1000. Angolo 35)
Dopo un fischio Garthe schiera la sua banda che crea un forte fuoco di soppressione con le loro armi Chemtech per 3 secondi in una direzione bersaglio, infliggendo danni e rallentando il nemico di X/Y/Z. In più i Campioni nemici che scattano contro la direzione di fuoco vengono stunnati per 0,5 sec.
Potenziamento
Gli sgherri hanno ricevuto armi più potenti e caricatori più grandi. Aumenta la durata di fuoco di 1,5 e l'effetto stordente di 0,5 sec.
"Cosa, cosa? Vuoi posticipare il pagamento perchè al momento sei sprovvisto di dentati? Ragazzi! Abbiamo un problema..."
Passiva- Chi fa la guardia?
Perbacco! Meno torri significa meno controlli. Meno controlli significa maggiori consegne riuscite! Per ogni torre distrutta dalla squadra, Garth riceve una stack di "Soldi Facili". Ogni 2 stack Garth può potenziare una delle sue abilità ovunque si trovi ma fuori dal combattimento e dopo una piccola animazione di 1 secondo dove lo vedi firmare un assegno. Puoi potenziare le abilità a partire dal lvl 6 ma non la R che sarà potenziabile solo dopo il primo potenziamento.
Interazioni
First move
Vediamo di darci una mossa, ho un carico da consegnare entro l'alba.
Cazzuola, devo comprarmi una casa a Ionia. (2 o più donne ioniane nella squadra)

Taunt Ally (mentre parla fa roteare il revolver poi lo lancia in aria e lo riafferra. Vale per tutti i taunt)
Non mi piaci. Danneggi troppo i miei affari. (jinx)
Non è normale questa situazione... (Caitlyn/Vi)
Ti ricordi quella volta che mi hai colpito di striscio alla gamba destra?Ahahahahah....stronza. (Caitlyn)
In nome del ratto con le corna! Cosa sei? (Twitch)(referenza)
Mi ricordi la gelatina che mi faceva la mamma. (Zac)
Calmo cagnolino, bravo cagnolino. Siamo amici vero? (warwick)
Quante code di rospo ti servono per i tuoi intrugli oggi? (singed)
Hai decisamente bisogno di una miglioria ai meccanismi deambulanti. (Blitzcranck)
Forte come un toro, intelligente come un'anfora. (mundo)
Quando ti fai male vai a farti un' Ekkografia? L'hai capita?
Cosa? Non sei più cattivo ma bensì un buono incompreso? (viktor)
IO....TU...DANNAZIONE! (camille)
Taunt Enemy
Prenderò quelle gambe, te le infilerò su per il cu*o e ti aprirò come un pesce. (camille)
Mi sei costata un occhio, un braccio e molti dei miei uomini. E' ora di saldare i conti. (camille)
Quando sarai morto diventerai un bel cappotto che regalerò ad Alyssa. O forse è meglio Millie? O Clare? Uhm.... (Warwick)
Kill/Assist
Ti sei messa in mezzo ai miei affari. Che altro potevo fare? (Caitlyn/Vi)
Merda, la consegna arriverà in ritardo oggi. (Caitlyn/VI)
Perchè questo nano è improvvisamente diventato peloso? (yordle)

Taunt per femmine
Beh, almeno la bocca è umana. (Cassiopeia)
Dove si regola l'inclinazione? (Orianna)
Donna nana, tutta tana. (yordle)
Come siamo freddi... Ti scaldo io. (Lissandra)
Caliente (shivana)
Dev'essere una cosa fantasmagorica. (Kalista)
Bei pistoloni. Vuoi vedere quanto è grosso il mio? (Miss Fortune)
Ho sentito che ti piace il dolore. Porto la frusta? (evelynne)
Ne riparliamo nel 2019.(Annie. Se non sbaglio il gioco compie 10 anni nel 2019. Sarebbe un'idea carina far crescere quella bambina)
Joke
"Trascinare quattro pesanti fardelli da una fontana all' altra e per cosa?" Garth solleva il pugno chiuso mentre una polvere blu ne fuoriesce a mò di clessidra. Poi scaglia la polvere a terra con disprezzo creando una nuvoletta azzurrina. "Della dannatissima essenza blu!"
"Premiata ditta Garth & Co. Consegna rapida di ogni prodotto al giusto prezzo." Garth afferra una vecchia cassa da dietro la schiena e la apre con il classico .
Dance (boh)

Ringraziamenti a Border Knight per la traduzione, Axel Mazzelli per il disegno.
submitted by LordWhiteface to leagueoflegends [link] [comments]

Agenzia di viaggi online, quale scegliere?

Buona domenica amici miei, come state? Spero bene, perché io mi sto mangiando le mani. Per farla brevissima, a settembre andrò a fare un viaggio, e prenderò aereo e hotel. Per non impazzire con registrazioni, sistemi e prenotazioni diversissime su siti diversissimi avevo pensato di usare le agenzie di viaggi online tipo Expedia, eDreams, etc... per poter star tranquillo potendomi fidare di qualcuno. E da qui, la mia ricerca mi ha portato a: -La prima agenzia di viaggi online -La piú grande -La più conveniente -La migliore senza abbonamento -La migliore secondo il sito X -La migliore secondo il sito XY -La migliore secondo il sito XYZ -Perché non prenotare tramite agenzie di viaggi online -La mia esperienza E UN CASINO DI VOCI COSì CHE MI HANNO CONFUSO ULTERIORMENTE.
Ora invece chiedo a voi, che usiate questi siti o altri, visto che siete ragazzoni in gamba, intelligentissimi, che approfondite sempre tutto. Grazie a tutti, e buon fine del fine settimana.
submitted by MarcusCurcuma to italy [link] [comments]

come sto vivendo le scuole superiori (rant)

Ho così tante cose di cui lamentarmi da dover dividere il post in paragrafi, niente tl;dr alla fine anche se potete immagine di cosa parlarerò in tutto il post. Una premessa sul post che state per leggere:
Adoro studiare e adoro l'informatica, quindi il mio punto di vista non è quello di un cazzone che va a scuola se no niente paghetta settimanale, vado a scuola perché mi piace andarci e voglio andarci. Voglio anche puntalizzare (prima che mi venga chiesto) che non frequento un ITI perso nei meandri del meridione (c'è da dire però che ho frequentato le superiori a Napoli prima di trasferirmi qui), bensì in romagna dove comunque viene prestata più attenzione (e vengono spesi più soldi) per l'istruzione. Chiedo scusa in anticipo per eventuali typo o errori grammaticali.
La struttura ed il mantenimento della scuola:
L'ITI che frequento è stato adibito fino al 1963 ad ospedale, per poi diventare appunto un ITI e non credo sia stato fatto alcun tipo di lavoro per rendere la struttura antisismica. E' stato bloccato l'accesso ad una rampa di scale all'interno della scuola (con dei banchi) poiché pericolante. Più aule presentano dei buchi un po' ovunque ed in un'aula in particolare (anche se non avendo visto tutte le aule è possibile che in altre ci sia qualcosa di simile) c'è una voragine dove è facile cadere, fortunatamente si trova in una zona poco "trafficata" della classe. Una cosa quasi divertente (anche se dovrebbe essere terrificante) è notare come in alcune zone della scuola (il secondo piano ed una parte del piano terra) letteralmente tremi il terreno semplicemente camminando (e non ho neanche lontanamente la stazza di un lottatore di sumo, ve lo assicuro), per non parlare poi di cosa succede nel caso in cui si salti. La cosa che più mi fa imbestialire di tutto ciò è non solo la struttura schifosa in cui ci troviamo, ma il fatto che nel caso del liceo classico ci sià una struttura 10000000 migliore della nostra, molto curata e soprattutto a norma sismica.
Il cambiamento che ho avuto nel corso di due anni:
Iniziata la terza nutrivo un sacco di aspettative (positive) riguardo ciò che avrei fatto nel triennio e non vedevo l'ora di iniziare a studiare le materie di indirizzo (mi diverto e adoro studiare, anche gli argomenti più disparati). Sono adesso alla (quasi) fine del quarto anno e penso di non essere mai stato così tanto deluso, stanco e privo di voglia di fare. Mi trovo in una classe dove i 3/4 vengono a lezione solo perché obbligati, ho creato una sorta di amicizia solo con 3 o 4 persone interessati alle lezioni come me e dover affrontare un clima del genere ogni giorno dove quasi tutti fanno casino o cercano in tutti i modi di boicottare le lezioni/fare il meno possibile è molto frustrante.
I professori:
Forse la cosa che più mi da fastidio e che più mi ha stancato delle superiori è proprio questo: la scelta del provveditorato rispetto ai professori ed i professori che ottengono il posto di lavoro.
Nella mia scuola insegna da moltissimi anni (almeno più di 15) un professore di telecomunicazioni che passa gran parte delle lezioni divagando, spiegando argomenti malissimo e dando contro i suoi alunni durante le interrogazioni perché dopo non aver ricevuto una risposta ad una domanda di un argomento che non conosciamo "non siamo andati avanti da soli". Questo prof è non solo un problema per tutti i suoi alunni per il comportamento che ha ma anche per i professori in quanto la sua riluttanza ad usare il registro elettronico arreca problemi anche ad altri prof, per non parlare poi del suo essere spesso scontroso che porta a litigi vari con gli insegnanti oltre che con gli alunni. Anche qui un fatto abbastanza divertente: questo prof ha così poca voglia di fare che da più di 10 anni sottopone i suoi alunni (di tutte le sue classi) alle stesse identiche prove, infatti è questo l'unico motivo per cui tutte le classi che ha non "portano" la materia a settembre (aggiungo che oltre alle non spiegazioni del prof abbiamo un libro scritto veramente male che rende veramente difficile studiare).
All'inizio del quarto anno ci siamo ritrovati senza insegnanti di laboratorio in due materie di indirizzo, nelle altre due un prof che avrò visto forse 5 volte durante tutta la terza nella sua materia mentre l'altro è noto da alunni attuali e passati come "quel coglione", intendetela come volete. Dopo circa due mesi di attesa (complimenti provveditorato) sono finalmente arrivati i prof di laboratorio: in informatica una prof laureata in economia e che prima di allora probabilmente non aveva mai visto una linea di codice ed in Reti un prof che già aveva insegnato (come prof di laboratorio di quella materia) anni prima nell'istituto che frequento tutt'ora, diplomato nella stessa scuola e laureato in fisica. Dopo pochi giorni però questo prof (con cui stavamo finalmente iniziando a fare qualcosa di concreto in laboratorio) è stato spostato via all'Istituto Agrario, sostituito da una prof che non conosce minimamente la materia e che ci fa passare il tempo (quando manca il prof teorico) facendo Power Point completamente inutili. Ancora mi chiedo per quale assurdo motivo abbiano dato la cattedra a delle persone che non conoscono minimamente la materia che dovrebbero insegnare.
Per chi non conosce neanche un po' come funzioni l'ITI informatica lo spiegherò brevemente: le materie di indirizzo sono quattro ed in questo paragrafo qui parlero di una materia in particolare chiama Sistemi (dove ci si occupa di come funzionino i computer e a cui si dedica solo un quadrimestre del terzo anno) e Reti (materia a cui si dedica tutto il tempo restante fino alla maturità. Con il nostro prof abbiamo iniziato al terzo anno la parte di sistemi e l'abbiamo finita (impiegando un sacco di tempo parlando di argomenti che non si toccano più come il processore Intel 8086 e l'Assembly che per carità saranno pure interessanti ma abbiamo un programma di reti intero da fare quindi chi cazzo se ne frega) col termine del terzo anno pur avendolo sollecitato il prof (io personalmente, conscio del fatto che fossimo indietrissimo col programma) ad andare avanti iniziando la parte di reti. Mi trovo (ma in realtà tutta la mia classe) adesso alla fine della quarta indietro un anno intero col programma di una materia che alla maturità c'è sempre. Nelle classi quinte dove insegna fino al primo quadrimestre è andato a rilento, poi dopo essersi conto a secondo quadrimestre inoltrato di essere indietro anche in quelle classi di un anno intero col programma è partito come un pazzo a spiegare tutto il programma di quinta cercando di fare il più possibile. Per ovviare a questo problema dovrò impiegare la mia estate studiando lo stack network e transport dell'iso/osi sperando di capire tutto come si deve e nel corso della quinta cercare (mentre studio tutte le altre materie) di portarmi avanti con il programma effettivo di quinta.
Ma perché non ti lamenti con chi di dovere?
Ho già provato a far presente questi problemi a prof vari ed eventuali ed al vicepreside, e tutti mi hanno risposto che "non ci posso fare niente" ad ogni mia lamentela. Cercare di indicare ad un prof che sta sbagliando si è rilevato totalmente inutile se non controproducente (nel caso di Reti non ci proverò neanche perché il prof in questione è conosciuto anche per quanto è vendicativo, quindi dirgli "lei ci ha fatto perdere un anno intero" finirebbe con me che cerco di raggiungere un 6 nella sua materia solo per pura antipatia nei miei confronti.
Sono completamente stanco della situazione e parlando con amici che frequentano l'uni tutti mi hanno detto che "il periodo delle superiori fa schifo, non credere a chi dice il contrario, nonostante tutti i lati negativi ed ansiogeni dell'università starai molto meglio durante il periodo universitario che quello delle superiori" e sinceramente ci credo, non vedo l'ora di iniziare l'uni.
submitted by lanciavia333 to italy [link] [comments]

Problema con le stringhe in flask

Ciao ragazzi. Ho quedto problema con flask(python). So che è banale, ma comunque: ho una lista di stringhe, e per ogni elemento ho stampato in html un option con il tag select.
Quindi nel file python:
.... studentList = ['nome1 cognome1', 'nome2 cognome2'] @app.route('/') def index(): return render_template('index.html', student_list=studentList) @app.route('/makeorder') def makeorder(): name=request.form.get('name') print(name) .... 
E in index.html
....